collocazione dei verbi
Scuola d'italiano per stranieri in Italia - Impara l'Italiano in Italia Otranto: Visita la città Ospitalità nella nostra scuola d'italiano per stranieri Corsi d'italiano per stranieri ad Otranto scuola primari grmmtic vrebo avere
scuole di lingua in italia. Scuola di lingua e cultura italiana ILS - scuole di lingua italiana

Dizionario dei Verbi Italiani

Dizionario d'Italiano Online


 Verbi Italiani
 Alfabeto
 Dizionario
 Modi di Dire
 Lingua Italiana
 Letteratura
 Italiano Online
 Italiani Famosi
   
   Home























Visitatori



 

Il Verbo Italiano

Alla parola verbo (dal Latino verbum = parola). si possono attribuire 4 diversi significati:

1. (antico) Parola; nell'uso attuale sopravvive quasi soltanto in frasi negative: se ne andò senza aggiungere verbo; non farne verbo con nessuno; non disse, non rispose verbo. Ripetere verbo a verbo: parola per parola.
2. Nella teologia cristiana, la seconda persona della Trinità, intesa come parola eterna o sapienza del Padre; logos.
Verbo di Dio, parola di Dio: Sacra Scrittura.
3. (estensione letteraria) Opinione, discorso, esempio autorevole: i lirici italiani si sono attenuti per secoli al verbo del Petrarca.
4. (Grammatica) Parte variabile del discorso che indica un'azione o uno stato in riferimento a un soggetto; a seconda del sistema linguistico di appartenenza, può modificare le sue forme in relazione alla persona, al tempo, al modo, all'aspetto e alla diatesi: «amare», «vedere», «sentire» sono verbi.

Il verbo è quindi la parte più variabile del discorso visto che si deve adattare alle varie situazioni: cambia a seconda del modo, del tempo, della persona e sono proprio queste varianti che spesso ne rendono difficile l'apprendimento.

Classificazione

I verbi possono essere classificati secondo le seguenti categorie:

Genere

Transitivo: lavare
Intransitivo: andare

Forma

Attiva (io lavo)
Passiva (io sono lavato)
Riflessiva (io mi lavo)
Impersonale (oggi nevica)

Persona

Prima (chi parla: io, noi)
Seconda (chi ascolta: tu, voi)
Terza (altri: lui, loro)

Numero

Singolare (un soggetto)
Plurale (più soggetti)

Tempo

Presente (azione contemporanea)
Passato (azione anteriore)
Futuro (azione posteriore)

Modo

Finito (fornito di desinenze personali: indicativo, congiuntivo, condizionale, imperativo)
Indefinito (privo di desinenze: infinito, participio, gerundio)

Funzione

Ausiliare (forma i tempi composti: io sono andato)
Predicativo (funge da predicato verbale: io mangio)
Copulativo (unisce il soggetto al nome del predicato: il cielo è azzurro)
Appoggio (io posso parlare)

Coniugazione

Regolare (prima, seconda, terza coniugazione)
Impersonale (piove)
Difettiva (solere)
Sovrabbondante (compiere, compire)
Irregolare (andare)

Coniugazione

Per coniugazione si intende la flessione del verbo, ossia la sua variabilità di forme. Per esempio, una forma verbale come mangio può essere cambiata a seconda del tempo: Io mangio; io mangiavo. In questo caso, si tratta del presente e dell'imperfetto.
Ci sono tre modelli diversi per la flessione dei verbi: questi modelli, chiamati coniugazioni, si distinguono dalla vocale tematica (ovvero quella all'inizio della desinenza) dell'infinito presente. Le tre coniugazioni, in italiano, sono:

  • La prima (-are)

  • La seconda (-ere), composta per la maggior parte da irregolari

  • La terza (-ire)

  • I verbi essere e avere hanno una coniugazione propria

La parte iniziale invariante che trasmette il significato del verbo è la radice; la parte finale variabile che trasmette tutte le informazioni necessarie per individuare il numero e la persona del soggetto, il tempo e il modo è la desinenza o morfema morfologico.
Ad esempio, la forma verbale amavo è composta dalla radice "am" e dalla desinenza "avo" che a sua volta è costituita dalla vocale tematica "a", relativa alla prima coniugazione, la caratteristica del tempo (imperfetto) e del modo (indicativo) "v", la caratteristica della persona (prima) e del numero (singolare) "o".
Il verbo essere ha una coniugazione propria che gli deriva direttamente dalle corrispondenti forme latine, non ha quindi alcun riferimento con le normali coniugazioni italiane.
Il verbo avere appartiene propriamente alla seconda coniugazione, l'estrema frequenza con cui viene utilizzato e la conseguente usura hanno però portato a notevoli trasformazioni che lo hanno reso molto differente dai verbi di quella coniugazione.

La prima coniugazione

Origine: la prima coniugazione contiene in gran parte i verbi della prima coniugazione latina, per lo più regolari oltre che numerosi, inoltre include molti verbi di nuova generazione, ad esempio tutta la famiglia dei verbi col suffisso -izzare nati nel mondo della tecnica e della politica e derivanti da sostantivi, nomi propri e aggettivi, come standardizzare o coventrizzare.
È la coniugazione con il maggior numero di verbi e con il minor numero di verbi irregolari.
I verbi in "-ciare", "-giare" e "-sciare" perdono al "i" finale della radice davanti alle desinenze che iniziano per "e" e per "i".
Tale tendenza vale anche per verbi come "pronunciare" o "annunciare" in cui la "i" aveva, in origine, valore sillabico, si scrive quindi "annuncerò".
Mantengono invece la "i" i verbi "associare" (associerò) ed "effigiare" (effigierò).
I verbi in "-gnare" si comportano regolarmente, quindi presentano la "i" in tutte le forme in cui fa parte della desinenza (prima persona plurale dell'indicativo presente "noi bagniamo" e del congiuntivo presente "che noi bagniamo" e seconda persona plurale del congiuntivo presente "che voi bagniate": la forma "voi bagnate" è relativa alla seconda persona plurale del'indicativo presente).
Poiché la pronuncia nasconde la "i" del gruppo "gnia", nella lingua scritta sono attualmente accettate le forme senza "i": "noi bagnamo" e "che voi bagnate".
I verbi in "-iare" che alla prima persona singolare dell'indicativo presente hanno accento sulla i (ad esempio invìo, avvìo, scìo, spìo) conservano la i della radice, a patto che essa continui ad essere accentata, anche davanti a desinenze che iniziano con i, quindi si dirà tu avvì-i, che essi avvì-ino.
Nella prima e seconda persona plurale dell'indicativo presente e del congiuntivo presente, dove non è accentata, la i della radice cade davanti alla desinenza iniziante per i: noi avv-iàmo, voi avv-iàte.
Nei verbi in -iare dove nella prima persona singolare dell'indicativo presente la i della radice non è accentata (ad esempio stùdio, dilànio, gònfio), la i cade sempre davanti alla desinenza iniziante con i: tu stud-i, voi stud-iate, che essi stud-ino. La i della radice viene mantenuta di fronte alla desinenza per evitare confusione con altre forme: si dirà quindi tu odii (verbo odiare) per distinguerlo da tu odi (verbo udire), tu varii (verbo variare) per distinguerlo da tu vari (verbo varare).
I verbi che hanno nella radice il dittongo mobile uo dovrebbero, per regola, conservare il dittongo uo quando si trova su sillaba tonica e semplificarlo in o quando l'accento è sulla desinenza. Si dirà quindi: io suòno, tu suòni, egli suòna, e noi soniàmo, voi sonàte, io sonàvo, io sonerò. Nella realtà l'uso è molto più fluido e spesso si trovano eccezioni alla regola descritta. La tendenza attuale è di uniformare la coniugazione dei singoli verbi, utilizzando il dittongo in tutte le forme oppure non utilizzarlo mai.
Il dittongo viene utilizzato in verbi come suonare, tuonare, ruotare, arruolare: si dirà quindi io suòno, io suonerò. Il dittongo non viene utilizzato in verbi come giocare, innovare, rinnovare.
In linea di massima si tende ad eliminare il dittongo nei verbi più usati, mantenendolo solo nei casi in cui la semplificazione potrebbe ingenerare delle confusioni, come io vuoto (verbo vuotare) per distinguerlo da io voto (verbo votare), oppure io nuoto (verbo nuotare) per distinguerlo da io noto (verbo notare).

La seconda coniugazione

La seconda coniugazione contiene pochi verbi ma tra essi ci sono quelli più utilizzati in italiano. La maggior parte di essi è irregolare. Sono confluiti in essa i verbi della seconda coniugazione latina che terminavano in - ere, con la vocale tematica 'e' lunga e quindi accentata (vid-ére -> vedére), e i verbi della terza coniugazione latina che terminavano in -ere, con la vocale e breve e quindi non accentata (lég-ere -> léggere). Per questo motivo la seconda coniugazione presenta sia verbi con la desinenza accentata (temére) che verbi con la desinenza non accentata (rídere). La posizione dell'accento non influisce sulla coniugazione dei verbi. Appartengono alla seconda coniugazione anche i verbi in -arre (trarre), -orre (porre) e -urre (condurre). Tali verbi nascono dalla contrazione di verbi latini della terza coniugazione in -ere: tráhere -> trarre, pónere -> porre, conducere -> condurre.
Il passato remoto alla prima persona singolare e terza persona singolare e plurale ha due diverse forme: la prima in -è, -è, -erono e la seconda in -ètti, -ètte, -ettero. In genere la prima forma è evitata perché sentita come eccessivamente letteraria, è però preferibile se la radice del verbo finisce in 't': si dirà quindi potei e riflettei piuttosto che potetti e riflettetti.
I verbi in -gnere (ad esempio spegnere) si comportano in modo regolare, presentano quindi la 'i' nelle voci in cui tale vocale fa parte della desinenza: nella prima persona singolare dell'indicativo presente (noi spegn-iamo) e nella prima e seconda persona plurale del congiuntivo presente (che noi spegn-iamo, che voi spegn-iate). Ultimamente si va comunque diffondendo la forma senza 'i': noi spegnamo ecc ...
I verbi con il dittongo 'uo' nella radice (muovere, nuocere, riscuotere) mantengono il dittongo quando è in posizione tonica, semplificandolo nella vocale 'o' quando, nel corso della coniugazione, si trova in sillaba atona o tonica chiusa, cioè terminante in consonante: si ha perciò io muóvo, tu muóvi, egli muóve e noi moviàmo, voi movéte, io movévo, io mòssi. La stessa regola vale per il dittongo 'ie' di verbi come possedere e tenere, avendo quindi io possièdo, tu possièdi, essi possièdono e noi possediàmo, voi possedéte.

La terza coniugazione

La terza coniugazione raccoglie verbi dalle molte forme. Essa contiene i verbi latini della quarta coniugazione, ma anche molti della seconda coniugazione latina (as esempio florere -> fiorire) e della terza coniugazione latina (ad esempio cápere -> capire). Inoltre si arricchisce di verbi di nuova formazione.

   

Verbi Ausiliari

essere

avere

   

Verbi Regolari

Coniugazione transitiva - Forma attiva e passiva

1° Coniugazione: AM-ARE - LAV-ARE - MANGI-ARE - PARL-ARE - PREPAR-ARE
2° Coniugazione: TEM-ERE
3° Coniugazione: SENT-IRE
 

Verbi Irregolari

Coniugazione transitiva - Forma attiva e passiva

1° Coniugazione: AND-ARE - D-ARE - S-TARE
2° Coniugazione: DIRE (DIC-ERE) - LEGG-ERE - DOV-ERE - PREND-ERE - SAP-ERE - POT-ERE - FARE (FAC-ERE) - VOL-ERE
3° Coniugazione: APR-IRE

Coniugazione Intransitiva - Forma attiva e passiva

1° Coniugazione:
2° Coniugazione: PIAC-ERE - VED-ERE
3° Coniugazione: USC-IRE - VEN-IRE

  Consulta il calendario dei corsi, così potrai organizzare il tuo soggiorno.
  Controlla on-line la tua preparazione sulla lingua italiana
  Sul nostro sito potrai determinare il costo del tuo corso a Otranto

 




ILS Italian Language School
Sede: Vico Antonio Sforza, 18  -  73028 Otranto Lecce)  -  Italia
Coordinate Geografiche: N 40° 09. 184' - E 18° 29. 246'
Telefono & Fax: +39 0836 805350  -  Cellulare: +39 329 2956361
Web: www.ilsonline.it  -  E-mail: info@ilsonline.it
Skype: carlobortone - Forum: www.ilsonline.it/forum
Facebook: www.facebook.com/ILSItalianLanguageSchool
Twitter: twitter.com/ILSOTRANTO
Youtube: www.youtube.com/c/ILSONLINE

Scheda di iscrizione alla scuola d'Italiano per stranieri ILS

Scarica o compila
on-line la scheda d'iscrizione ai nostri corsi
>>>continua


News ed attività della scuola d'Italiano per stranieri ILS

Controlla eventi e attività svolte nella nostra scuola e nel territorio
>>>continua


Domande generiche sullo studio all'estero in Italia

Domande e risposte frequenti sulle nostre attività
>>>continua


Cosa si può trovare di interessante nella rete... oltre a noi!
>>>continua


Se hai dubbi o perplessità richiedi informazioni
>>>continua


La Comunità Forum della ILS

Comunità di amici che si divertono insieme ad imparare l'italiano
>>>continua

Gente che ama scrivere in italiano e fare nuove amicizie

 Designed by ILS Italian Language School Copyright 2003/2015 ILS Italian Language School
OK | Frasi coi verbi "essere" e "avere": la coniugazione ... | Frasi coi verbi "essere" e "avere": la coniugazione propria cos'è? | linkuaggio | Frasi di questo tipo sono facili da formulare, visto che la casistica non è ampia; è importante sottolineare, però, che "coniugazione propria dei verbi 'avere' ed ... | Il Congiuntivo Scuola Primaria | Il modo congiuntivo: percorso operativo. Scheda dell ... | Riscrivi il verbo al modo infinito, presente nelle seguenti frasi, al modo congiuntivo come nell'e sempio: | ercolebonjean | Il modo congiuntivo: percorso operativo. Scheda dell'unità didattica | tutti i verbi italiani | Verbi italiani - Lista - Learn Italian in Siena - Saena ... | Verbi italiani > totale n° 4706 > completi: 4627 | saenaiulia | Lista verbi italiani: Coniuga un verbo : Verbi italiani > totale n ° 4706 > completi: ...
Dizionario dei Verbi Italiani Italian Language School Italienischschule für Ausländer Skola i Kurs Italijanskog Jezika za Strance Λεξικό των Ρημάτων στα Ιταλικά Escuela de Italiano para Extranjeros Włoska Szkoła Językowa Escola de Língua e Cultura Italianas Ecole de Langue italienne To Be Continued Ritorna alla Pagina Precedente Stampa questa Pagina Invia questa Pagina ad un Amico